Inquinamento (altre forme di)

Giurisprudenza

print

Sentenza Consiglio di Stato 30 luglio 2013, n. 3575

Elettrosmog - Stazione radio base - Diniego all'installazione - Programma comunale delle installazioni - Concreti aspetti tecnici collegati alla istanza - Valutazione - Richiesta

La presente pronuncia è correlata ai seguenti provvedimenti

Altre pronunce sullo stesso argomento

  • Sentenza Tar Piemonte 3 marzo 2020, n. 163

    Elettrosmog - Impianto di telecomunicazioni - Intervento di modifica di impianto esistente o aggiornamento tecnologico - Procedimento "accelerato" - Articolo 87-bis, Dlgs 259/2003 - Differenza col procedimento ex articolo 87, Dlgs 259/2003 finalizzato al rilascio di un'autorizzazione - Sussistenza Presentazione della segnalazione certificata di inizio attività (Scia) - Sufficienza - Formazione del silenzio-assenso - Sussistenza - Intervento inibitorio del Comune dopo lo spirare del termine - Esclusione - Possibilità di esercizio di intervento in autotutela - Articolo 19, legge 241/1990 - Possibilità - Sussistenza

  • Sentenza Tar Lombardia 20 febbraio 2020, n. 148

    Elettrosmog - Impianto di telecomunicazione - Realizzazione di un sito "sensibile" - Cambiamento destinazione edilizia opere esistenti - Vicinanza con impianto di telecomunicazione preesistente - Competenze regionali (N.d.R.: articolo 8, Lr 36/2001) - Articolo 4, Lr Lombardia 11/2001 - Rispetto delle distanze dal sito sensibile - Regolamento comunale - Necessità - Insussistenza - Prevalenza del criterio dei limiti di immissione elettromagnetica rispetto a quello basato sulle distanze minime - Condizioni per realizzare il sito sensibile - Esclusione, mediante misurazioni sul posto, del superamento della soglia di esposizione prevista per la tutela della salute - Sufficienza - Sussistenza

  • Sentenza Consiglio di Stato 20 agosto 2019, n. 5756

    Elettrosmog - Installazione di impianto di trasmissione - Autorizzazione - Articolo 87, Dlg 259/2003 - Effetti - Sostituzione di ogni titolo autorizzatorio compreso quello edilizio - Parere dell'Arpa - Necessità ai fini del perfezionamento del titolo autorizzatorio - Esclusione

  • Sentenza Tar Basilicata 27 marzo 2019, n. 321

    Elettrosmog - Impianti di telefonia mobile - Autorizzazione - Articolo 87, Dlgs 259/2003 - Qualificazione dell'impianto - Articolo 86, comma 3, Dlgs 259/2003 - Opera di urbanizzazione primaria - Realizzazione dell'impianto a una distanza dalla strada inferiore a quella prescritta dal Codice della strada - Legittimità - Sussistenza

  • Ordinanza Consiglio di Stato 27 marzo 2019, n. 2033

    Inquinamento (altre forme di-) - Elettrosmog - Localizzazione impianti di telecomunicazioni - Articolo 8, comma 6, Dlgs 36/2001 - Potere dei Comuni di regolamentare l'insediamento urbanistico degli impianti e di vietare la collocazione di antenne in determinate zone - Contrasto con le direttive europee in materia - Direttive 2002/20/Ue, 2002/21/Ue e 2002/22/Ue - Possibilità - Rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia Ue

  • Sentenza Tar Basilicata 27 marzo 2019, n. 321

    Elettrosmog - Impianti di telefonia mobile - Autorizzazione - Articolo 87, Dlgs 259/2003 - Qualificazione dell'impianto - Articolo 86, comma 3, Dlgs 259/2003 - Opera di urbanizzazione primaria - Realizzazione dell'impianto a una distanza dalla strada inferiore a quella prescritta dal Codice della strada - Legittimità - Sussistenza

  • Sentenza Tar Toscana 28 febbraio 2019, n. 324

    Inquinamento - Elettrosmog - Impianti di radiotrasmissione - Autorizzazione unica - Articolo 87, Dlgs 259/2003 - Natura del titolo autorizzatorio - Titolo edilizio che assorbe la compatibilità urbanistico-edilizia del progetto - Realizzazione dell'opera in assenza di autorizzazione - Abuso edilizio - Sussistenza - Ordine di demolizione - Legittimità - Sussistenza - Decorso del tempo tra realizzazione dell'abuso e ordine di demolizione - Necessità di motivazione in capo all'Amministrazione - Esclusione

  • Sentenza Tar Lazio 4 febbraio 2019, n. 1373

    Inquinamento elettromagnetico - Installazione di impianti di telecomunicazioni - Protezione dalle esposizioni a campi elettromagnetici - Inserimento degli impianti nel territorio - Regolamento comunale - Articolo 8, legge 36/2001 - Previsione di divieti di localizzazione in prossimità di aree sensibili - Individuazione del limite di 150 metri - Ragionevolezza - Sussistenza

  • Sentenza Consiglio di Stato 2 gennaio 2018, n. 16

    Elettrosmog - Impianto di radiotrasmissione televisiva - Scia - Articolo 87 e 87-bis, Dlgs 259/2003 - Applicabilità - Tutti gli impianti che generano emissioni elettromagnetiche - Quadro normativo - Articolo 14, Dl 179/2012 - Dpcm 8 luglio 2003 - Normativa tecnica - Obbligatorietà - Impianti di classe 1 - Impatto tenue - Elementi integranti il fondo naturale - Limiti - Conformità

  • Sentenza Consiglio di Stato 2 ottobre 2015, n. 4612

    Elettrosmog - Stazione radio base - Autorizzazione ex articolo 87, Dlgs 259/2003 - Rispetto limiti di esposizione, valori di attenzione, obiettivi di qualità ex legge 36/2001 - Necessità - Rispetto disposizioni urbanistico/edilizie relative alla zona di installazione - Necessità - Silenzio assenso ex Dlgs 259/2003 - Ambito di applicabilità

  • Sentenza Consiglio di Stato 30 settembre 2015, n. 4574

    Elettrosmog - Autorizzazione ad impianti stazione radio ex articolo 87, Dlgs 259/2003 - Localizzazione su edifici - Competenza comunale - Sussistenza -  Localizzazione distanze minime da edifici competenza esclusiva statale ex articoli 4 e 8, legge 36/2001 -  Sussistenza

  • Sentenza Consiglio di Stato 30 settembre 2015, n. 4574

    Elettrosmog - Autorizzazione ad impianti stazione radio ex articolo 87, Dlgs 259/2003 - Localizzazione su edifici - Competenza comunale - Sussistenza -  Localizzazione distanze minime da edifici competenza esclusiva statale ex articoli 4 e 8, legge 36/2001 -  Sussistenza

  • Sentenza Consiglio di Stato 30 settembre 2015, n. 4574

    Elettrosmog - Autorizzazione ad impianti stazione radio ex articolo 87, Dlgs 259/2003 - Localizzazione su edifici - Competenza comunale - Sussistenza -  Localizzazione distanze minime da edifici competenza esclusiva statale ex articoli 4 e 8, legge 36/2001 -  Sussistenza

  • Sentenza Consiglio di Stato 10 dicembre 2014, n. 6057

    Elettrosmog - Impianti radiotelevisivi - Delocalizzazione per superamento limiti di emissione- Articolo 28, Dlgs 177/2005 - Potere di iniziativa - Competenza - Regione - Esclusione

  • Sentenza Consiglio di Stato 10 luglio 2014, n. 3528

    Elettrosmog - Disposizioni di telecomunicazione mobile - Autorizzazione - Articolo 87, Dlgs 259/2003 - Opere di interesse generale - Decisione su permanenza impianto - "Asettica" applicazione di limite generalizzato del Comune - Esclusa - Necessità di un approfondito procedimento - Richiesta

  • Sentenza Consiglio di Stato 30 aprile 2014, n. 2247

    Elettrosmog - Impianti di telefonia mobile - Autorizzazioni - Possibilità di chiedere la Dia (ora Scia) in sanatoria - Articolo 87, Dlgs 259/2003 - Non osta - Limiti di esposizione, attenzione e obiettivi di qualità - Rimangono fermi

  • Sentenza Consiglio di Stato 16 aprile 2014, n. 1955

    Elettrosmog - Impianti di telefonia - Installazione - Pianificazione comunale - Divieto generalizzato installazione in determinate aree urbanistiche - Legittimità - Esclusione

  • Sentenza Consiglio di Stato 16 aprile 2014, n. 1955

    Elettrosmog - Impianti di telefonia - Installazione - Pianificazione comunale - Divieto generalizzato installazione in determinate aree urbanistiche - Legittimità - Esclusione

  • Sentenza Consiglio di Stato 28 gennaio 2014, n. 418

    Infrastrutture di comunicazione elettronica - Autorizzazione - Articolo 87, Dlgs 59/2003 - Comunicazione di motivi ostativi - Conseguenze - Silenzio assenso - Escluso - Articolo 10-bis, legge 241/1990 - Istituto del preavviso di diniego - Sussistenza

     

  • Sentenza Consiglio di Stato 15 gennaio 2014, n. 119

    Elettrosmog - Antenne radiofoniche - Interesse di carattere generale - Competenze - Legge 36/2001 - Giurisprudenza - Limiti di esposizione - Normativa statale - Dpr 381/1998 - Competenza comunale - Esclusa

  • Sentenza Consiglio di Stato 15 gennaio 2014, n. 119

    Elettrosmog - Antenne radiofoniche - Interesse di carattere generale - Competenze - Legge 36/2001 - Giurisprudenza - Limiti di esposizione - Normativa statale - Dpr 381/1998 - Competenza comunale - Esclusa

  • Sentenza Consiglio di Stato 15 gennaio 2014, n. 119

    Elettrosmog - Antenne radiofoniche - Interesse di carattere generale - Competenze - Legge 36/2001 - Giurisprudenza - Limiti di esposizione - Normativa statale - Dpr 381/1998 - Competenza comunale - Esclusa

  • Sentenza Consiglio di Stato 13 gennaio 2014, n. 96

    Territorio - Tutela del paesaggio - Impianti di telecomunicazione - Realizzazione - Autorizzazione paesaggistica in sanatoria - Disciplina applicabile - Codice telecomunicazioni (Dlgs 259/2003) - Esclusione - Applicazione Codice beni culturali (Dlgs 42/2004) - Necessità

  • Sentenza Consiglio di Stato 30 ottobre 2013, n. 5231

    Elettrosmog - Infrastrutture per la telefonia mobile - Articolo 8, legge 36/2001 - Competenze comunali - Limiti  - Garanzie - Divieto assoluto - Esclusione

  • Sentenza Corte di Cassazione 24 settembre 2013, n. 39415

    Impianti di telefonia - Piano di localizzazione delle stazioni radio base - Spostameno - Legge 36/2011 - Consentito - Autorizzazione - Articolo 87, Dlgs 259/2003 – Necessaria

  • Sentenza Corte di Cassazione 24 settembre 2013, n. 39415

    Impianti di telefonia - Piano di localizzazione delle stazioni radio base - Spostameno - Legge 36/2011 - Consentito - Autorizzazione - Articolo 87, Dlgs 259/2003 – Necessaria

  • Sentenza Consiglio di Stato 22 aprile 2013, n. 2238

    Elettrosmog - Infrastrutture - Procedure di espropriazione - Mancato consenso - Articolo 11, Dpr 380/2011 - Presupposto - Non aggravio

  • Sentenza Consiglio di Stato 4 aprile 2013, n. 1873

    Elettrosmog - Installazione di stazioni radiobase - Limiti comunali per intere ed estese porzioni del territorio - Ragione giustificativa - Richiesta

  • Sentenza Consiglio di Stato 4 aprile 2013, n. 1873

    Elettrosmog - Installazione di stazioni radiobase - Limiti comunali per intere ed estese porzioni del territorio - Ragione giustificativa - Richiesta

  • Sentenza Consiglio di Stato 4 aprile 2013, n. 1873

    Elettrosmog - Installazione di stazioni radiobase - Limiti comunali per intere ed estese porzioni del territorio - Ragione giustificativa - Richiesta

  • Sentenza Consiglio di Stato 27 dicembre 2010, n. 9414

    Elettrosmog - Accordi tra impresa di telecomunicazioni e soggetto privato relativi all'area su cui realizzare l'impianto - Esonero dall'applicazione della disciplina amministrativa nel rapporto col Comune per il titolo a realizzare l'impianto ex Dlgs 259/2003 - Esclusione

  • Sentenza Consiglio di Stato 27 dicembre 2010, n. 9414

    Elettrosmog - Accordi tra impresa di telecomunicazioni e soggetto privato relativi all'area su cui realizzare l'impianto - Esonero dall'applicazione della disciplina amministrativa nel rapporto col Comune per il titolo a realizzare l'impianto ex Dlgs 259/2003 - Esclusione

  • Sentenza Consiglio di Stato 27 dicembre 2010, n. 9414

    Elettrosmog - Accordi tra impresa di telecomunicazioni e soggetto privato relativi all'area su cui realizzare l'impianto - Esonero dall'applicazione della disciplina amministrativa nel rapporto col Comune per il titolo a realizzare l'impianto ex Dlgs 259/2003 - Esclusione

  • Sentenza Consiglio di Stato 22 ottobre 2010, n. 7588

    Elettrosmog - Installazione di impianti di telefonia mobile - Indicazione dei siti idonei nel piano regolatore comunale - Realizzazione al di fuori ei siti indicati dai Prg - Possibilità

  • Sentenza Consiglio di Stato 22 ottobre 2010, n. 7588

    Elettrosmog - Installazione di impianti di telefonia mobile - Indicazione dei siti idonei nel piano regolatore comunale - Realizzazione al di fuori ei siti indicati dai Prg - Possibilità

  • Sentenza Consiglio di Stato 22 ottobre 2010, n. 7588

    Elettrosmog - Installazione di impianti di telefonia mobile - Indicazione dei siti idonei nel piano regolatore comunale - Realizzazione al di fuori ei siti indicati dai Prg - Possibilità

  • Sentenza Consiglio di Stato 24 settembre 2010, n. 7128

    Elettrosmog - Impianti di telefonia mobile - Divieti alla localizzazione degli impianti  per motivi di tutela della salute fissati con regolamento comunale - Illegittimità - Competenza concorrente Stato-Regioni

  • Sentenza Consiglio di Stato 24 settembre 2010, n. 7128

    Elettrosmog - Installazione stazione radio base per telefonia mobile - Localizzazione Srb - Tutela salute umana - Denuncia di verifica sismica - Autorizzazione - Competenze dello stato

  • Sentenza Corte di Cassazione 1° settembre 2010, n. 32527

    Elettrosmog - Installazione ripetitori telefonici - Disciplina autorizzatoria speciale  - Applicazione sanzioni articolo 44 del Tu edilzia - Legittima

  • Sentenza Consiglio di Stato 25 settembre 2006, n. 5593

    Stazioni radio base per telefonia mobile - Regolamento comunale - Norma che prevede la possibilità di installare le antenne solo su edifici aventi una altezza superiore a quella degli edifici circostanti - Per ragioni urbanistico-edilizie - Legittimità

  • Sentenza Consiglio di Stato 25 settembre 2006, n. 5593

    Stazioni radio base per telefonia mobile - Regolamento comunale - Norma che prevede la possibilità di installare le antenne solo su edifici aventi una altezza superiore a quella degli edifici circostanti - Per ragioni urbanistico-edilizie - Legittimità

  • Sentenza Corte Costituzionale 6 luglio 2006, n. 265

    Telecomunicazioni - Stazioni-radio base per telefonia mobile - Installazione e modifica - Disciplina prevista da una legge regionale - Previsione di un procedimento amministrativo per il rilascio del permesso di costruire - Ulteriore rispetto a quello già previsto dall'articolo 87 del Dlgs 259/2003 - Illegittimità costituzionale - Va dichiarata

  • Sentenza Consiglio di Stato 15 giugno 2006, n. 3534

    Stazioni radio-base per telefonia mobile - Realizzazione - Istanza di autorizzazione e denuncia di inizio di attività - Decorso del termine di 90 giorni - Ex articolo 87, comma 9, del Dlgs 1 ottobre 2003, n. 259 - Determina l'accoglimento tacito - Diffida a non iniziare i lavori - Inviata dopo 90 giorni - Illegittimità

  • Sentenza Consiglio di Stato 15 giugno 2006, n. 3534

    Stazioni radio-base per telefonia mobile - Realizzazione - Istanza di autorizzazione e denuncia di inizio di attività - Decorso del termine di 90 giorni - Ex articolo 87, comma 9, del Dlgs 1 ottobre 2003, n. 259 - Determina l'accoglimento tacito - Diffida a non iniziare i lavori - Inviata dopo 90 giorni - Illegittimità

  • Sentenza Corte Costituzionale 17 marzo 2006, n. 103

    Inquinamento elettromagnetico - Competenza legislativa dello Stato - Riguarda la fissazione delle soglie di esposizione - Competenza legislativa delle Regioni - Riguarda la disciplina dell'uso del territorio in funzione della localizzazione degli impianti di comunicazione - Limiti - Individuazione

  • Sentenza Corte di Cassazione 16 settembre 2005, n. 33735

    Elettrosmog - Stazioni radio-base per telefonia mobile - Installazione - Autorizzazione ex articolo 87 Dlgs 259/2003 - Sufficienza - Permesso di costruire - Ex articolo 3, lettera e Dpr 380/2001 - Non occorre

  • Sentenza Consiglio di Stato 14 febbraio 2005, n. 450

    Installazione di stazioni radio-base - Regolamento comunale - Fissazione di limiti di esposizione ai campi elettromagnetici - Competenze del Comune - Non rientra

  • Sentenza Consiglio di Stato 21 gennaio 2005, n. 100

    Elettrosmog - Stazioni radio-base per telefonia mobile - Installazione - Autorizzazione ex articolo 87 Dlgs 259/2003 - Sufficienza - Permesso di costruire - Ex articolo 3, lettera e Dpr 380/2001 - Non occorre

  • Ordinanza Consiglio di Stato 6 aprile 2004, n. 1612

    Stazioni radio di interesse nazionale - Dlgs 259/2003 - Opere di urbanizzazione primaria

  • Sentenza Corte Costituzionale 7 novembre 2003, n. 331

    Elettrosmog - Legge quadro 36/2001 - Competenze locali - Criteri per la determinazione dei limiti di inquinamento - Legge Regione Lombardia 4/2002, di modifica della legge 11/2001 - Criterio della distanza - Questione di legittimità costituzionale - Fondatezza

  • Sentenza Corte Costituzionale 29 ottobre 2003, n. 324

    Possibilità di localizzare i siti di radiodiffusione - Competenze della Giunta regionale - Non rientra

  • Sentenza Corte Costituzionale 1° ottobre 2003, n. 307

    Campi elettromagnetici - Valori limite - Legge 36/2001 - Norme regionali che fissano parametri più restrittivi di quelli statali - Incostituzionalità

  • Sentenza Consiglio di Stato 26 agosto 2003, n. 4847

    Impianti di telefonia mobile - Possibilità di espropriare le aree da utilizzare - Competenze del Comune - Rientra

  • Sentenza Consiglio di Stato 6 giugno 2003, n. 3171

    Installazione delle antenne di radiotrasmissione - Individuazione delle zone - Poteri dei Comuni - Rientra

  • Sentenza Consiglio di Stato 30 maggio 2003, n. 2997

    Elettrosmog - Potere regolamentare dei Comuni - Ex legge 36/2001 - Presupposti

  • Sentenza Consiglio di Stato 18 novembre 2002, n. 6391

    Elettrosmog - Individuazione di aree sensibili - Competenze del Comune - Non rientra

  • Sentenza Consiglio di Stato 3 giugno 2002, n. 3098

    Campi elettromagnetici - Fissazione di limiti di esposizione più severi di quelli previsi dallo Stato - Competenze dei Comuni - Non rientra


Consiglio di Stato

Sentenza 30 luglio 2013, n. 3575

 

Repubblica italiana

In nome del popolo italiano

 

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

 

Sentenza

sul ricorso numero di registro generale 6001 del 2012, proposto da:

Ericsson Telecomunicazioni Spa, rappresentata e difesa dall'avv. (omissis), con domicilio eletto presso (omissis);

contro

Comune di San Polo D'Enza in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dagli avv. (omissis) e (omissis), con domicilio eletto presso (omissis);

Regione Emilia Romagna;

per la riforma

della sentenza del Tar Emilia Romagna — Sez. staccata di Parma: Sezione I n. 00014/2012,

Visto il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio di Comune di San Polo D'Enza;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Vista la sentenza della Sezione III° n.807 del 18.1.2013;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 7 giugno 2013 il Cons. (omissis) e uditi per le parti gli avvocati (omissis) e (omissis);

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

 

Fatto e diritto

1. La società Ericsson impugnava davanti al Tar Emilia Romagna, sede di Parma, l'atto del Comune di San Polo d'Enza con il quale le era stata negata l'autorizzazione alla installazione di una stazione radio base per il servizio pubblico di telefonia in piazza Matteotti n. 5 con la seguente motivazione in quanto: "...l'area individuata per l'installazione risulta in contrasto con il Programma delle Installazioni".

Si costituiva in giudizio l'amministrazione comunale chiedendo la reiezione del ricorso in quanto infondato.

Con ordinanza n. 247/2010 il Tar respingeva l'istanza cautelare ritenendo che la ricorrente non avesse provato che la localizzazione all'esterno del perimetro del territorio urbanizzato precludesse l'integrale copertura del servizio sull'intero territorio comunale.

Il Consiglio di Stato, Sezione III, con ordinanza n. 1275/2011, accoglieva l'appello cautelare ritenendo che il provvedimento impugnato fosse "prima facie" illegittimo per violazione dell'articolo 10 bis legge 241/1990 e successive modificazioni, invitando l'amministrazione comunale ad esaminare più specificatamente alcuni aspetti tecnici della istanza presentata dalla società.

A seguito di tale pronuncia, il Comune comunicava alla ricorrente, ex articolo 10 bis della legge 241 del 1990, con atto in data 26 aprile 2011, gli elementi ostativi all'accoglimento dell'istanza, ribadendo quanto già espresso nel primo provvedimento di diniego.

La società Ericsson riscontrava la nota del Comune in data 13 maggio 2011.

Seguiva un atto di diffida della stessa società ricorrente nei confronti del Comune recante la data del 7 giugno 2011.

Infine, con il provvedimento denominato "Atto Unico" in data 12 luglio 2011, il responsabile dello sportello unico attività produttive non autorizzava la Ericsson Telecomunicazioni all'installazione dell'impianto per telefonia mobile, richiamando la delibera del consiglio comunale n. 52 del 26 giugno 2002, rilevando che nonostante l'impossibilità di installare gli impianti nelle zone definite sensibili, tali aree non avevano un'estensione tale da precludere una adeguata copertura del territorio, ribadendo la disponibilità comunale ad accettare altre zone di localizzazione alternative.

Avverso tale ultimo provvedimento la società di telecomunicazioni depositava davanti al Tar motivi aggiunti deducendo plurimi vizi di legittimità.

Ai motivi aggiunti replicava la difesa del Comune di San Polo d'Enza.

2. Il Tar riteneva che il ricorso principale avverso il primo diniego dovesse essere dichiarato improcedibile per difetto di interesse in relazione alla sopravvenienza dell'"Atto Unico" del 12 luglio 2011, impugnato con motivi aggiunti; riteneva quindi tale ultimo atto esente dalle censure dedotte respingendo il ricorso per motivi aggiunti.

Nell'atto di appello la società Ericsson Telecomunicazioni ripropone alcune delle censure dedotte in primo grado con i motivi aggiunti chiedendo il loro accoglimento.

Si è costituito il Comune sostenendo la infondatezza dell'appello e la conferma della sentenza.

In vista della udienza di trattazione la appellante ha depositato una ulteriore memoria difensiva.

3. Con sentenza n 807/2013 questo Consiglio di Stato ha disposto incombenti istruttori a carico del Ministero dello sviluppo economico, Ispettorato territoriale della Emilia-Romagna, intendendo verificare la idoneità delle aree alternative proposte dal Comune per assicurare la copertura programmata da Ericsson e nel contempo di accertare se, come sostenuto dalla società, l'area indicata da Ericsson fosse l'unica in grado di assicurare nel territorio comunale la necessaria copertura di rete.

Effettuata la istruttoria da parte del Ministero dello Sviluppo Economico in contraddittorio con le parti, alla pubblica udienza del 7 giugno 2013 la causa, dopo la discussione orale da parte del difensore della società appellante, è stata nuovamente trattenuta in decisione.

4. L'appello merita accoglimento.

La sezione ritiene di assorbire alcune censure, pur ampiamente sviluppate dalla appellante, concentrando l'esame sul terzo motivo dedotto in appello il quale ha riguardato tra l'altro i caratteri e i limiti della pianificazione urbanistica da parte comunale in materia di impianti di telefonia mobile.

In generale, in fattispecie analoghe, la giurisprudenza di questo Consiglio di Stato ha ripetutamente posto in rilievo che la selezione dei criteri di insediamento degli impianti da parte delle amministrazioni a vario titolo interessate, deve tener conto della nozione di "rete di telecomunicazione", che per definizione richiede una diffusione capillare sul territorio, segnatamente nei casi di telefonia mobile (cd. "cellulare"), che, alla debolezza del segnale di antenna, associa la necessità di un rapporto di contiguità delle singole stazioni radio base.

Infatti il servizio pubblico di comunicazione mobile è preordinato a consentire a tutta la popolazione, sia residente che in transito sul territorio dei singoli comuni, di potere essere adeguatamente servita nelle diverse condizioni di comunicazione, in movimento o fissa, entro e fuori dagli edifici, entro e fuori dal centro abitato, in tutte le ore del giorno e della notte e anche negli orari di massima concentrazione del traffico.

La giurisprudenza ha rilevato che l'assimilazione, per effetto dell'articolo 86 del Dlgs 1° agosto 2003, n. 259, delle infrastrutture di reti pubbliche di telecomunicazione alle opere di urbanizzazione primaria, implica che le stesse debbano collegarsi ed essere poste al servizio dell'insediamento abitativo e non essere dalle stesso avulse.

È stato anche rilevato che la determinazione, da parte delle amministrazioni locali, di limiti di localizzazione degli impianti non può tradursi in una misura surrettizia di tutela della popolazione da immissioni radioelettriche che l'articolo 4 della legge 22 febbraio 2001, n. 36 riserva allo Stato attraverso l'individuazione di puntuali limiti di esposizione, valori di attenzione e obiettivi di qualità, da introdursi con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell'ambiente, di concerto con il Ministro della salute (cfr. Cons. Stato, VI, 3 marzo 2007, n. 1017; 5 giugno 2006, n. 3332; 5 agosto 2005, n. 4159; 20 dicembre 2002, n. 7274; 3 giugno 2002, n. 3095; cfr. anche Corte Cost. sentenza n.336 del 27 luglio 2005).

È pur vero che ai sensi dell'articolo 8, co. 6, legge 36/2001 "i comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici" ma, al riguardo, la giurisprudenza ha più volte affermato che da tale previsione debbono discendere regole comunali ragionevoli, motivate e certe, poste a presidio di interessi di rilievo specifico a livello locale, per il particolare valore paesaggistico e ambientale o storico-artistico di certe porzioni del territorio, ovvero per la presenza di siti che, per la loro destinazione d'uso, possano essere qualificati particolarmente sensibili alle immissioni elettromagnetiche, non potendo comunque imporsi un generalizzato divieto di installazione in identificate zone urbanistiche de l territorio comunale (Cons. Stato, VI, 15 luglio 2010, n. 4557; cfr. anche Corte Cost. sentenza n. 336 del 27 luglio 2005).

5. Nel caso in esame la relazione tecnica acquisita a seguito della istruttoria disposta dalla Sezione, effettuata in contraddittorio, con le parti evidenzia che il Comune ha utilizzato, nella delibera n. 52/2002, come criterio prevalente ai fini della individuazione di aree "sensibili" in cui non allocare gli impianti, quello della generica lontananza dal centro abitato in evidente contrapposizione con le esigenze tecniche già sopra rappresentate, che implicano, nella progettazione delle aree di copertura radioelettrica, la necessità di trovarsi alla minore distanza dalla sorgente del traffico di comunicazione elettronica e la allocazione nella prossimità delle aree in cui sono concentrati gli edifici, nel cosidetto "clutter" di tipo urbano, ove maggiore è la richiesta del traffico di trasmissioni.

La relazione tecnica ha poi evidenziato, con riferimento alle aree alternative indicate dal Comune, che le stesse non sono idonee in quanto "..non contribuiscono a realizzare un sufficiente grado di qualità del servizio Umts nell'area centrale del Comune e non consentano di effettuare una copertura conforme ai vincoli della Licenza ministeriale, nelle aree attualmente non servite".

Infine, per quanto riguarda la domanda posta nella sentenza istruttoria se "l'area indicata da Ericsson sia l'unica in grado di assicurare nel territorio comunale la necessaria copertura di rete", la relazione tecnica acquisita ha ritenuto: "..che la posizione dell'impianto radiante indicata da Ericsson possa ritenersi la più ragionevole in relazione ai costi e ai molteplici vincoli che limitano e obbligano ogni installazione di questo tipo".

6. Ritiene quindi la sezione che il Comune di San Polo D'Enza, nel pronunciarsi con atto prot. 5083 del 12 luglio 2011 sulla domanda presentata dalla società appellante per la realizzazione della stazione radio base per telefonia in piazza Matteotti 5/a, (Fg.12 mapp.117) non poteva limitarsi al mero richiamo della regolamentazione comunale, posta dalla delibera del consiglio comunale n.52 del 26 giugno 2002, attribuendo ad essa assoluto valore cogente e non derogabile, ma doveva valutare i concreti aspetti tecnici collegati alla istanza, tenendo conto delle specifiche esigenze rappresentate, di connettività sul territorio e di sviluppo della rete di telecomunicazione di cui la Ericcson Spa è gestore, che implicavano, come da verifica effettuata, la realizzazione dell'impianto radio base nel sito indicato di piazza Matteotti n.5/a in quanto unico a consentire la efficace copertura dell'intero territorio comunale secondo i criteri indicati dalla licenza di esercizio Umts.

7. Conclusivamente, assorbiti gli altri motivi dedotti, l'appello merita accoglimento, con riferimento al terzo motivo e per l'effetto, in riforma della sentenza appellata, l'atto unico del 12 luglio 2011 deve essere annullato, i motivi aggiunti al ricorso di primo grado accolti con ogni conseguenza quanto all'obbligo del Comune di rilasciare il titolo autorizzatorio richiesto.

8. Spese ed onorari seguono la soccombenza come in dispositivo.

 

PQM

 

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) definitivamente pronunciando, in riforma della sentenza appellata accoglie l'appello, accoglie i motivi aggiunti al ricorso di primo grado, annulla il diniego impugnato di cui all'atto unico del 12 luglio 2011.

Condanna il Comune di San Polo D'Enza alle spese ed onorari del giudizio che liquida nella misura di euro 3.000,00 (tremila) a favore della società Ericsson Telecomunicazioni Spa.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 7 giugno 2013 con l'intervento dei magistrati:

(omissis)

Depositata in Segreteria il 30 luglio 2013

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598