Ippc/Aia


Quadro generale

Milano, maggio 2020

 

La normativa sull’"Ippc" (acronimo di "Integrated Pollution Prevention and Control", ossia "prevenzione e riduzione integrata dell'inquinamento") subordina l’attività degli impianti industriali che presentano un elevato potenziale di inquinamento ad una particolare autorizzazione pubblica (denominata "autorizzazione ambientale integrata" – "Aia") che racchiude in un unico atto amministrativo il permesso a rilasciare inquinanti in aria, acqua, suolo e che viene rilasciata solo previo rispetto di precise condizioni ambientali.

 

L'attuale provvedimento nazionale di riferimento è rappresentato dal Titolo III-bis della Parte II del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Parte relativa alla disciplina Via, Vas e Ippc), introdotto nel "Codice ambientale" dal Dlgs 128/2010, e poi ampiamente modificato dal Dlgs 4 marzo 2014, n. 46, provvedimento di recepimento della direttiva 2010/75/Ue sulle emissioni industriali.

 

Il Dm 15 aprile 2019, n. 95 in vigore dal 10 settembre 2019 ha approvato le modalità di redazione della relazione di riferimento per alcune installazioni soggette ad Aia colmando un vuoto normativo creatosi dopo che il precedente Dm 272/2014 era stato annullato dal Tar nel 2017.

 

Leggi tutto

Ultimi aggiornamenti

  • Sentenza Consiglio di Stato 1 dicembre 2020, n. 7616 Accesso riservato

    Rifiuti - Discarica di rifiuti - Autorizzazione (N.d.R.: articolo 8, Dlgs 36/2003) - Autorizzazione integrata ambientale (N.d.R.: articolo 29-ter, Dlgs 152/2006) - Diniego - Ragioni - Criteri penalizzanti ed escludenti indicati nel Piano regionale rifi (aggiornato: 2020-12-02) Parole chiave

    • Dgr Lombardia 23 novembre 2020, n. XI/3895 Accesso riservato

      Indirizzi regionali per applicare le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (Bat) per i grandi impianti di combustione di cui alla decisione 2017/1442/Ue nell'ambito dei procedimenti di riesame delle autorizzazioni integrate ambientali (Aia)Parole chiave

      • Sentenza Corte Costituzionale 13 novembre 2020, n. 238 Accesso riservato

        Contravvenzioni in materia ambientale - Articolo 318-septies, Dlgs 152/2006 - Causa di estinzione del reato - Decorrenza - Articolo 318-octies, Dlgs 152/2006 - Inapplicabilità ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della Parte Sesta-bi (aggiornato: 2020-11-25) Parole chiave

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598