Sicurezza sul lavoro


Quadro generale

Milanoagosto 2020

 

L'attuale provvedimento madre in materia di sicurezza sul lavoro è costituito dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

 

Collocandosi subito dopo le relative norme costituzionali ed a fianco di quelle generali di matrice codicistica (civile e penale), il provvedimento (meglio noto come "Testo unico" sulla sicurezza sul lavoro) si sostituisce alle precedenti specifiche norme in materia di tutela dei lavoratori stratificatesi dagli anni '50 ad oggi, disponendo l'espressa abrogazione del Dlgs 626/1994 e provvedimenti satellite.

 

Costruito secondo un'architettura analoga all'uscente Dlgs 626/1994, il Testo Unico raccoglie le disposizioni in tema di prevenzione e protezione dei lavoratori. In ossequio all'assetto costituzionale delle competenze in materia legislativa tra Stato ed Enti locali, l'articolo 1 del provvedimento reca il principio di cedevolezza, stabilendo che le disposizioni del Dlgs 81/2008 si applicano (in base al principio del potere sostituivo dello Stato) fino al momento in cui le Regioni e le Province autonome non determinano proprie norme in materia in virtù del potere di legislazione concorrente ex articolo 117 della Costituzione: dalla data di entrata in vigore delle norme regionali le disposizioni statali perdono efficacia, ad eccezione dei "principi fondamentali" di competenza dello Stato ex articolo 117 citato.

Leggi tutto

Ultimi aggiornamenti

  • Sentenza Corte di Cassazione 11 novembre 2020, n. 31513 Accesso riservato

    Inquinamento (altre forme di -) - Sicurezza sul lavoro - Rischi derivanti dall'esposizione a radiazioni ionizzanti - Obblighi dell'esercente e luoghi oggetto di applicazione della disciplina - Continuità normativa tra Dlgs 230/1995 (abrogato) e Dlgs 10 (aggiornato: 2020-12-01) Parole chiave

    • Sentenza Corte di Cassazione 18 novembre 2020, n. 32393 Accesso riservato

      Igiene e sicurezza sul lavoro - Pluralità di distinte violazioni punite a titolo di contravvenzioni - Continuazione tra reati - Applicazione al responsabile della "non punibilità" per tenuità del fatto ex articolo 131-bis del Codice penale - Valutazion (aggiornato: 2020-11-25) Parole chiave

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598