SPECIALE Codice appalti (Dlgs 50/2016) ed ambiente

Introduzione ed ultime novità

A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

INTRODUZIONE

Il Dlgs 50/2016 traspone sul piano nazionale (seppur in maniera non totalmente aderente) le disposizioni dettate dalle direttive 2014/23/Ue, 2014/24/Ue e 2014/25/Ue in materia di appalti pubblici e contratti di concessione che impongono alla Pubblica amministrazione il conseguimento di obiettivi di sostenibilità ambientale ed energetica.

 

Al fine di fornire ad Enti ed imprese un utile strumento di lettura si offre la consultazione del suddetto Dlgs 50/2016:

 

1) contestualizzata nell’ambito di:

provvedimenti Ue recepiti dalla nuova disciplina nazionale;

atti comunitari di immediato richiamo (tra cui quelli “self executing” sulle certificazioni ambientali);

— disposizioni nazionali di stretto interesse in relazione al regime transitorio in essere;

— norme statali in materia di acquisti verdi della P.a. (confermate ed implementate dal nuovo Codice);

— altre regole interne da ossequiare per la corretta applicazione della neo disciplina;

 

2) costantemente e tempestivamente aggiornata:

— alle previste disposizioni attuative della neo disciplina;

— a tutte le modifiche degli atti normativi di diretto interesse;

 

3) accompagnata:

— da puntuali correlazioni ipertestuali con tutti gli afferenti documenti dell’Osservatorio di normativa ambientale (con sottesi e ragionati percorsi di giurisprudenza e prassi);

— da commenti e sintesi su specifici aspetti delle tematiche sottese.

 

Vincenzo Dragani

 

ULTIME NOVITÀ:

 

● Ottobre 2020. Il quadro normativo di riferimento sull'emergenza "Covid-19" è in costante mutazione ed incide in modo dinamico anche sull'assetto della disciplina ambientale. Per conoscere le regole nazionali di immediato interesse dal punto di vista ambientale si consulti l'approfondimento "Emergenza Covid-19, il quadro delle disposizioni su ambiente e sicurezza sul lavoro". Per le norme regionali in materia si rinvia alle specifiche Sezioni dell'Osservatorio di normativa ambientale regionale di Reteambiente.it.

 

● 22 ottobre 2020: approvata Risoluzione Ue per azioni vincolanti contro deforestazione. Il Parlamento Ue ha chiesto alla Commissione di integrare ulteriormente le considerazioni sulla deforestazione nel marchio di qualità ecologica dell'Unione europea (Ecolabel Ue) e negli appalti pubblici verdi.

 

● 19 luglio 2020: in vigore conversione Dl "Rilancio", in vista "Cam" per mascherine. La legge 77/2020 di conversione del Dl 34/2020 ("Rilancio") ha stabilito che con un futuro Dm saranno definiti i criteri ambientali minimi (Cam) ai sensi del Dlgs 50/2016 per le gare relative alle mascherine filtranti e, ove possibile, ai dispositivi di protezione individuale e ai dispositivi medici.

 

● 17 luglio 2020: in vigore Dl "Semplificazioni" con deroghe e snellimento appalti. Il Dl 16 luglio 2020, n. 76 ha apportato diverse modifiche al Codice appalti (Dlgs 50/2016) e deroghe transitorie alle modalità di affidamento delle gare anche per superare la crisi della pandemia Covid-19.

 

● 6 luglio 2020: Prodotti con materiale recuperato, norme tecniche Uni in vigore. L'Ente italiano di normazione (Uni) ha pubblicato una prassi di riferimento (PdR) sui requisiti della verifica del contenuto dichiarato di materiale riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto dei prodotti.

 

● 27 maggio 2020: Corte Costituzionale, legittimo obbligo motivazione per affidamenti "in house". La Corte Costituzionale ha ritenuto non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'articolo 192, Dlgs 50/2016 che impone alla P.A. di motivare l'affidamento in house di un appalto anziché il ricorso al mercato.

 

 

 

ACCEDI al QUADRO NORMATIVO ed agli APPROFONDIMENTI dello Speciale

 

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598